BARBARA D’URSO: DICHIARATO COLPEVOLE YARI CARRISI

Yari Carrisi

La notizia è stata rilanciata poco fa da due autorevoli quotidiani, “Libero” e “Il Giornale”, secondo cui Yari Carrisi è stato condannato dopo la frase choc che pubblicò diversi mesi fa, era il 21 aprile 2020 sui social con la quale inveiva contro Barbara d’Urso, la popolare conduttrice di “Pomeriggio Cinque” e altri format mediaset.

Fatto sta che secondo l’accusa, Carrisi augurò la morte, il motivo vero e proprio non si è mai saputo, ma secondo la ricostruzione fatta da alcuni organi di stampa, Barbara D’Urso nel suo talk pomeridiano parlò per prima volta del riavvicinamento tra Al Bano e Loredana Lecciso.

La reazione di Yari Carrisi fu fuori luogo, sul momento Carmelita fu riscoperta di affetto dai suoi fan e molti telespettatori, dopo l’attacco ingiustificato.

Come riportato da “Il Giornale” testualmente: “Poche ore fa è stato emesso il decreto penale di condanna a carico di Yari Carrisi per aver leso la reputazione e l’onore di Barbara d’Urso. La sua responsabilità è stata accertata da un giudice e deve fungere da monito contro tutti quelli che, incapaci di affrontare la realtà, si nascondono dietro i social per ingiuriare e offendere il prossimo, sia che si chiami Barbara d’Urso sia che si chiami in qualunque altro modo. L’offesa social è diventata ormai comune, anche grazie alla (finta) percezione che i reati online possano restare impuniti. ricevuto l’affetto di tutto il pubblico e di milioni di follower sui social.

L’offesa a quanto pare venne pubblicata su Instagram, per l’appunto da Carrisi jr, la condanna rende giustizia in qualche modo alla conduttrice di Canale 5.

Fontal