“Hollywood Party” a Cinecittà

In diretta dalla Sala Fulgor: i set di ieri, oggi e domani

(none)

“Hollywood Party” sarà in diretta dagli studi di Cinecittà. Venerdì 25 febbraio dalle 19 alle 20,  la storica trasmissione di Rai Radio 3 condotta da Alberto Crespi e Steve Della Casa, andrà in onda dal luogo simbolo del cinema e dell’Italia in tutto il mondo, che, a ottantacinque anni dalla sua fondazione, continua ad essere uno dei più importanti centri di produzione dell’audiovisivo. Qui, le storie delle grandi famiglie del cinema italiano si sono intrecciate con quelle del circo. Una puntata speciale trasmessa dalla Sala Fulgor – il noto cinema di Rimini ricostruito a Cinecittà da Dante Ferretti per omaggiare l’opera di Fellini – e della quale saranno ospiti, per raccontare l’avventurosa storia dei set e dei teatri di posa, Liana Orfei, Alex Infascelli, Verdiana Bixio e Stefano Mordini. In particolare, visto lo strettissimo legame tra il circo e Fellini la Orfei, artista circense, ricorderà  la sua partecipazione a “La dolce vita”, film per cui il regista riminese fece ricostruire intere zone di Roma nel celebre Teatro 5. Alex Infascelli è il componente di dinastia legata da sempre al cinema: figlio di Roberto Infascelli (produttore di Febbre da cavallo e di tanti poliziotteschi negli anni Settanta) musicista e regista a sua volta (S Is for Stanley e Mi chiamo Francesco Totti), racconterà i suoi ricordi personali legati a Cinecittà. Verdiana, Presidente di Publispei, la società del padre, il produttore Carlo Bixio, qui ha prodotto “Un medico in famiglia”, la popolare fiction Rai i cui esterni sono ancora visitabili tra le vie degli studios. Con lei si parlerà del perché, soprattutto negli ultimi anni, Cinecittà sia diventato un centro dedicato alla televisione e alla serialità. Anche Stefano Mordini, regista cinefilo, autore del documentario “Essere Claudia Cardinale” e di film come “La scuola cattolica”, ricostruirà le tante anime di Cinecittà, luogo che continua ancora oggi ad ospitare i generi e i set più diversi. A scandire le testimonianze degli ospiti, saranno rare clip sonore provenienti da uno dei più grandi archivi audiovisivi del mondo: l’Istituto Luce, che ha sede a Cinecittà.

Fonte: Ufficio Stampa rai