‘O anche no’ tra parroci e cecità

Spazio anche a Giuseppe Tornatore e Giusy Versace

(none)

Nella puntata di ‘O Anche No’, programma di inclusione sociale e disabilità realizzato con la collaborazione di Rai per il Sociale e Rai Pubblica Utilità, venerdì 25 febbraio alle 23:55 su Rai 2, ed in replica domenica 27 febbraio alle 9:10, nello spazio speciale dedicato al “vedere oltre”, Daniele Cassioli, grande atleta paralimpico, dialogherà con Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche “Mario Negri”. Paola Severini Melograni intervisterà Don Peppino Gambardella, parroco di San Felice in Pincis, a Pomigliano d’Arco, il cui lungo sacerdozio è da sempre al servizio della periferia di Napoli mentre Mario Acampa incontrerà Totò Cascio, il bambino protagonista di Nuovo Cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore, che propone il cortometraggio ‘A occhi aperti’, nel quale racconta la difficile esperienza con la sua malattia, la retinite pigmentosa, una rara forma di cecità ereditaria che colpisce circa una persona su tremila. Per l’occasione Tornatore ha dedicato a Cascio un cameo. ‘A occhi aperti’ è diretto da Mauro Mancini e realizzato da ‘Movimento Film’ con Rai Cinema per Fondazione Telethon. Con Riccardo Cresci si andrà al Clab di Bolzano, una delle prime cooperative sociali in Alto Adige, che gestisce laboratori artigianali e creativi oltre ad un punto vendita, occupando annualmente circa una ventina di persone con disabilità cognitiva, psichica e fisica. Stefano Disegni con la sua vignetta ricorderà l’impegno di Giusy Versace, parlamentare e atleta paralimpica, che è riuscita insieme al gruppo interparlamentare sulla disabilità a fare in modo che gli atleti paralimpici possano entrare nel ruolo delle forze di sicurezza, dai pompieri all’esercito, dalla Guardia di Finanza ai Carabinieri alle Guardie forestali. Non mancheranno i Ladri di Carrozzelle con la loro musica. Si possono rivedere tutte le puntate e anche le stagioni precedenti su Raiplay. https://www.raiplay.it/programmi/oancheno

Fonte: Ufficio Stampa Rai