“Malati di cibo” a “”PresaDiretta”

Punta la telecamera sull’obesità in Italia e nel mondo la puntata di “PresaDiretta”, con Riccardo Iacona, in onda lunedì 1° aprile alle 21.20 su Rai 3. Una vera emergenza che aumenta i rischi per la salute, l’incidenza delle malattie cardiovascolari e il diabete. E basteranno i nuovi farmaci danesi e americani che agiscono sull’appetito a far diminuire il numero degli obesi? Che ruolo ha in quest’emergenza l’industria del cibo? In Italia, nella fascia d’età compresa tra gli 8 e i 9 anni, registriamo uno dei tassi più elevati di obesità in Europa, paragonabile a quelli di Cipro, Spagna e Grecia. Colpite, soprattutto le regioni del Sud. La trasmissione è stata nella provincia di Napoli, dove il 44% dei bambini ha problemi di sovrappeso e dove a essere più colpiti sono coloro che vivono nei territori più svantaggiati. Il programma ha incontrato alcune star del Web e della televisione come Max Mariola, che hanno raccontato perché l’interesse per il cibo è in continuo aumento. In Inghilterra l’allarme obesità è stato preso molto seriamente: qui sono nate iniziative contro il cibo spazzatura e si è introdotta la tassa sulle bibite zuccherate. Chi sono i Biteback, i giovani attivisti alimentari che si battono contro i modelli alimentari della grande industria? E in Italia come ci si difende?
Ma sulla scena farmaceutica sono apparsi nuovi farmaci che agiscono sul cervello e abbattono di molto l’appetito: come funzionano? Perché sono così importanti per gli obesi gravi? Chi ne abusa e quali sono le controindicazioni per coloro che li assumono solo per dimagrire un po’? 
PresaDiretta è stata in Danimarca dove è nato il primo di questi “farmaci della magrezza”, intervistando medici e autorità sanitarie per capire le conseguenze cliniche e anche economiche legate all’uso di questo farmaco.
E poi negli Stati Uniti, il paese che ha più di cento milioni di obesi, con un lungo viaggio nell’epicentro mondiale della “epidemia obesità”: importanti le interviste a Caroline Apovian, una delle massime esperte mondiali della cura dell’obesità e a Jeffrey Friedman, lo scienziato famoso in tutto il mondo per aver scoperto l’ormone che svolge un ruolo chiave nella regolazione della fame e del peso corporeo.  

Redazione