“Mi manda Raitre”: anteprima

Sette, neuromarketing ed errori giudiziari tra gli argomenti

(none)

In Italia esistono circa 500 associazioni settarie – fra sataniche, psicosette e pseudo-religiose – che coinvolgono due milioni di cittadini: si tratta di gruppi spesso guidati da leader molto carismatici, con regole di comportamento precise, e che in molti casi contemplano l’allontanamento dalla vita precedente e dalle famiglie di origine e la condivisione del proprio denaro a favore del gruppo. Un tema approfondito da Federico Ruffo a “Mi Manda RaiTre”, in onda sabato 20 aprile alle 9.15 su Rai 3. Obiettivo anche sulle tecniche di neuromarketing usate per indurre il consumatore ad acquisti anche superflui, tra offerte in bella vista, prodotti posizionati ad arte in alcune zone del supermercato, musiche scelte, colori e profumi particolari. Tra gli ospiti Pino Rinaldi, giornalista e conduttore; Luigi Corvaglia, psicologo; Raffaella Di Marzio, direttrice Centro Studi Lirec – Libertà di religione, credo e coscienza; Rita Repetto, associazione “La pulce nell’orecchio”; Barbara Molinario, Consumerismo. 
Nella puntata di domenica 21 aprile alle 9.00 Rai 3, “Mi manda Raitre” si occupa di errori giudiziari e detenzioni ingiuste che, dal 1991 al 2023, contano in Italia 31397 casi. In particolare, più di 30mila persone sono finite per sbaglio in carcere o hanno subito una condanna che poi si è rivelata errata.  E i risarcimenti per questi errori pesano sulle tasche di tutti i cittadini: negli ultimi 22 anni l’Italia ha speso un totale di 960 milioni per i risarcimenti giudiziari. Dietro queste cifre ci sono storie e vite stravolte e distrutte. Tra i casi trattati quello di Beniamino Zuncheddu, ex pastore sardo assolto, dopo quasi 33 anni di carcere, dall’accusa di aver compiuto la strage del Sinnai nel gennaio del 1991. In chiusura si parla dei richiami di prodotti alimentari pubblicati sul sito del Ministero della salute: fra le cause la presenza di allergeni o rischi chimici e microbiologici.
Tra gli ospiti di Federico Ruffo: Luigi De Magistris; Michele Padovano, ex calciatore Juventus; Marzia Corini, anestesista; Valentino Maimone, giornalista “errorigiudiziari.com”.

Redazione