“Un’estate in Provenza”

L’importanza delle proprie radici

(none)

La storia di un viaggio di scoperta familiare e personale, ambientata nella pittoresca regione della Provenza. È il film del 2014 “Un’estate in Provenza”, diretto da Rose Bosch, in onda martedì 14 maggio alle 21.20 su Rai 2. La trama si concentra su tre giovani fratelli parigini, Adrien, Léa e il piccoloThéo, non udente, che vengono mandati dai loro genitori a trascorrere l’estate con il nonno Paul, interpretato da Jean Reno. Paul è un olivicoltore burbero e dal carattere forte, che vive nella campagna provenzale. I rapporti tra Paul e la sua famiglia sono tesi a causa del conflitto con la figlia, madre dei ragazzi, e per questo i nipoti non hanno quasi mai avuto contatti con lui. All’inizio, i ragazzi trovano difficile adattarsi alla vita rurale e alle maniere spartane del nonno. Tuttavia, con il passare del tempo, iniziano a scoprire e ad apprezzare la bellezza e il fascino della vita in campagna, imparando molto sulla storia della loro famiglia e sui legami con quella terra. Con Jean Reno, Anna Galiena, Aure Atika, Mathilde Irrmann, Jean-Michel Noirey.  

Redazione